OneDream

Il blog felice
Der Blog vom Glück
The happy blog

  • Home
    Home This is where you can find all the blog posts throughout the site.
  • Tags
    Tags Displays a list of tags that have been used in the blog.
  • Bloggers
    Bloggers Search for your favorite blogger from this site.

PAROLE BELLE

Mi sono spesso interrogata sul perché del dolore e sulle risposte della natura che, con fantasia e generosità, ci spiega tutto. In particolare mi ha sempre colpito la storia dell’aragosta e il suo mostrarci come la sofferenza sia necessaria per crescere.

Il crostaceo, infatti, ha un corpo morbido che si sviluppa all’interno di un guscio rigido il quale, con il passare del tempo, diventa stretto fino a far male.

È allora che l’aragosta va a nascondersi fra le rocce dove si libera dal guscio che la protegge (ma che non le serve più) e dove, nuda e vulnerabile, attende il formarsi della nuova corazza. Quando, in seguito, anche quel guscio diventerà piccolo, l’animale lo mollerà, ripetendo il processo.

Se, al primo disagio, l’aragosta potesse andare in farmacia ad acquistare un antidolorifico, lì per lì le sembrerebbe di aver trovato una soluzione, ma sarebbe un’illusione che, se reiterata, la porterebbe alla morte.

...
Hits: 537
0

Aldo era un uomo pieno di vita, spiritoso, sempre in movimento, appassionato lavoratore, indomabile amante. Dico ‘era’ non perché sia morto, ma perché un giorno permise che sulla sua vita calasse il sipario della parola ‘ormai’. Quando successe, Aldo non era anziano, non lo è nemmeno oggi.


Stessa cosa la vidi in Sibilla, una professoressa in pensione, il giorno in cui si accorse di non essere più «quella di prima»; capitava, infatti, che le cedesse un ginocchio o che i figli le rimarcassero il suo ripetersi. Quando la donna si scontrava contro la realtà del fisico acciaccato o della memoria smarrita in qualche anfratto di gioventù, gli ‘ormai’ cadevano a pioggia, deprimendola.


E poi c’è Enrico, il mio giovane amico di 85 anni, un uomo sempre sorridente e allegro che, se ha qualche dolore, canta. Stare in sua compagnia davanti al caminetto che lui chiama il suo televisore, è pura meraviglia; si chiacchiera, ma si potrebbe anche non dire alcunché, giacché la sua presenza irradia un tal benessere da rendere superflue le parole.

Enrico si entusiasma per qualsiasi cosa e ogni giorno è pronto per una nuova avventura. Nel suo vocabolario la parola ‘ormai’ non è mai esistita, perché lui ha sempre goduto del presente e ringraziato, qualsiasi cosa succedesse. Un giorno in risposta alla mia domanda su cosa facesse quanto accadeva qualcosa di brutto, mi ha detto: «Festeggiavo!».

Eppure Enrico non è matto, lui semplicemente si fida di quel che la vita gli riserva e il risultato della sua totale accettazione è impresso sul suo volto, rischiarato dalla gioia. Ne parlo al presente perché, nonostante 4 anni fa abbia lasciato il corpo, la sua luce è ovunque.

...
Hits: 598
0

NON È MAI L'ULTIMA SERA. È L'UNICA SERA.

Dopo un anno vissuto all’insegna della privazione della libertà, finalmente Heinz ha agganciato la roulotte alla macchina e attraversato la Germania piena di nuvole e acquazzoni, per trascorrere le vacanze di Pentecoste sulle rive dell’amato Lago di Garda.

L’uomo si ricorda ancora di quella notte emozionante del 1978 quando, a bordo di un maggiolino nero, era  partito con la sua famiglia alle due di notte da Amburgo, per la prima vacanza in Italia.

Seduti sul sedile posteriore, lui e suo fratello Peter erano rimasti incollati ai finestrini del ‘Käfer’ per buona parte dei 1200 chilometri che li separavano dalla meta. Giunti al Brennero, la polizia aveva controllato i documenti e chiesto se avessero niente da dichiarare e lì, i due bambini, avevano tremato perché, all’insaputa dei genitori, avevano nascosto in un tubetto di dentifricio tutti i loro risparmi.

Fra la frontiera austriaca e quella italiana, Heinz e Peter avevano discusso sul da farsi, decidendo poi di non dire nulla del capitale trafugato (50 marchi, circa 25 euro), per timore di perderlo. E invece, pochi metri prima del confine italiano,

...
Hits: 624
0

Posted by on in PAROLE BELLE

DIALOGHI VARI

LA MATURITA' di pintaudi

 D "Cos'è per te la maturità"?

 "Niente che ha a che fare con la morale, le ideologie, i valori, i concetti e le acquisizioni. L'unica maturità possibile è una capacità di introspezione che, volenti o nolenti, ci ritroviamo a fare nella vita. Solitamente questo avviene troppo tardi, addirittura molti muoiono prima di maturare veramente, o alcuni poco prima di morire, quando prendono coscienza che tutto il loro passato devono lasciarlo andare, e il loro futuro non esiste più. Solamente in circostanze realmente difficili, a tu per tu con il nulla, la persona è costretta a maturare realmente e, direi, definitivamente.
Infatti la vera maturazione non consente di tornare indietro. Quando accade durante la vita, accade rare volte e in degli istanti precisi, non è graduale. La vita, per come la si conosceva, non potrà mai essere come prima pur essendo, apparentemente, tutto invariato. E' come uno schiaffo, e non è mai dettata ad acquisire, ma sempre a perdere identificazioni."

 D "E possibile evitarlo?"

 "Non è possibile evitare le situazioni, ma è possibile che la maturazione avvenga prima, per una introspezione diciamo, "volontaria".

 D "Ma, in conclusione, cosa intendi per maturazione".

 "Se ti piacciono le definizioni, potrei dire che è banalmente una forma di lasciar andare. Si intende smettere di dare la responsabilità delle proprie disgrazie a chiunque: il mondo, gli altri, me stesso, ecc. Tu sei l'unico responsabile del tuo stato d'animo. Questo ti consente di vivere intimamente con te stesso, smettendo di cercare negli altri e nelle situazioni una forma di compensazione e fuga, o, al contrario, una forma di giudizio e di colpa. Infatti chi vive in questo stato, è costantemente verso l'esterno. Quando smette di andare verso l'esterno, allora colpevolizza se stesso o si compiace. E' costantemente fuori dal presente.

E questo è uno step. L'ultimo step è vedere che lo stato d'animo c'è a prescindere da un "me stesso", quindi a maggior ragione ora nemmeno tu hai meriti e colpe,perché non sei all'interno del processo, e nemmeno fuori. Non ci sei proprio, esiste solo un sentire, che cambia istante per istante. La vita è solo sentire.

 D "E gli organi di senso?"

 "Se intendi vedere, toccare, gustare, odorare, bé, è sempre un sentire. Puoi fare esperienza solo così. Questo porta ad una riduzione dell'attività mentale. Non esiste nessun'altra maturazione possibile."

-----------------------------------------

THE MATURITY ' of Pintaudi

 Q "What is for you the maturity"?

 "Nothing that has to do with morals, ideologies, values, concepts and possessions. The only possible maturity is a capacity of introspection that, like it or not, we are called to do in life. Usually this happens too late, even many people die before reaching a real maturity, or some others just before their death, when they become aware that they must let their whole past go, and their future has gone. Only in real difficult circumstances, face to face with nothing, people are forced to really mature and, I would say, definitely.

Effectively the true maturation does not allow you to go back. When it happens during our life, it rarely happens and in that exact moments, not gradually. Life, as we knew it, will never be as before although, apparently, all remains the same. It’s like a smack, and it is never given to acquire, but always to lose identifications. "

 Q "you can avoid it?"

 "You can not avoid the situations, but it is possible that the maturation comes first, through an introspection, let’s say," voluntarily".


 Q "But, in conclusion, what do you mean with maturation."

 "If you like the descriptions, I could say that it is trivially a form of letting go. It means to stop looking for a responsible for our own misfortunes: the world, the others, myself, and so on. You are the only one responsible for your state of mind. This allows you to live intimately with yourself, and stop looking for somebody else, or in other directions looking for a kind of compensation and escape, or, on the contrary, a kind of judgment and guilt. In fact, those who live in this condition, they are constantly moving outside. When they stop going outwards, then they make themselves feeling guilties or they are pleased. They are constantly outside the present-time (the right moment they are just living now).

And this is a step. The last step is to see that the mood exists independently from "myself", and even more so now not even you have any merit or fault, because you're not inside the process, nor even outside. You are not in there, what exists is a feeling, that changes moment by moment. Life is just feeling.

 Q "and the sense organs?"

"If you mean to see, to touch, to taste, to smell, well, it's always a feeling. It’s the only way You may have experiences. This leads to a reduction of mental activities. No other maturation is possible."

Hits: 12638
0

Il bisogno di essere amati

è solo una cattiva interpretazione della profonda voglia

di essere amore

Luca D'Alessandro

 

...
Hits: 12853
0