Bianca Brotto

Diffondiamo Bellezza

  • Home
    Home This is where you can find all the blog posts throughout the site.
  • Tags
    Tags Displays a list of tags that have been used in the blog.
  • Bloggers
    Bloggers Search for your favorite blogger from this site.

QUANTO VALIAMO AGLI OCCHI DELL'ESISTENZA?

Posted by on in PAROLE BELLE
  • Font size: Larger Smaller
  • Hits: 432
  • 0 Comments
  • Subscribe to this entry
  • Print

Prima o poi succede a tutti di trovarsi improvvisamente avvolti dall’amore, quello vero, quello che non è possesso, bisogno, aspettativa, ma solo autentico, puro, amore.

Lo si riconosce perché è un’esperienza totale che coinvolge corpo, mente e spirito con un’intimità struggente che lascia addosso la dolce nostalgia del ricordo di chi eravamo e di chi, dietro le coltri delle cose del mondo, ancora siamo.

Per Tilla quest’incontro è coinciso con uno scontro che, come per gli appuntamenti più importanti, l’ha colta di sorpresa in una limpida serata, mentre si trovava a pochi chilometri da casa, a bordo della propria Mini Cooper rossa.

Tilla sta guidando, la sua testa è affollata di pensieri. D’improvviso la donna si ritrova davanti le ruote enormi di un trattore. Frena, ma non basta. Gira a sinistra per tentare il sorpasso.

Due fari luminosi corrono verso di lei. Sterza a destra, ma lo scontro è inevitabile. Pam! Primo colpo. Crash! Frammenti di vetro la investono. Tilla si tiene stretta al volante con una forza che non sapeva di avere. Ancora Pum! Pam! Crash!

La Mini gira più volte su se stessa. Tilla si sente risucchiata in un vortice. Ha le mani incollate al volante e nelle braccia la forza della vita. Un sussulto e la macchina si appoggia pesantemente a terra. Silenzio. È finita. Forse. Apre la portiera. Esce. È stordita.

 

Le sue ginocchia tremano. Non sa bene dove sia. Una voce urla: «Signora, si sposti subito da lì!» La donna è smarrita. Prova a fare qualche passo. Il grido si fa disperato: «Si sposti subito da lì!»

Poi succede. È un lampo. Tilla si sente abbracciata e buttata a terra.

Di nuovo rumori di lamiere che si accartocciano e lo stridio penetrante di una frenata che sembra non finire mai. Tilla sente il peso di un corpo che la sovrasta, ne percepisce l’alito caldo sopra il viso mentre una voce dolce le chiede: «Sta bene?»

L’uomo si scosta, si rialza, le prende la mano e la aiuta ad alzarsi. Tilla vacilla. Si aggrappa a lui e scoppia a piangere. L’uomo la tiene stretta a sé. Ha un buon profumo, non è dopobarba e nemmeno eau de toilette. È una fragranza delicata, ma penetrante. Forse viene dalla sua pelle.

Tilla la respira e torna in sé. Arrivano i soccorsi. Un signore le corre incontro, è il titolare della vettura che ha trascinato per molti metri la sua Mini distrutta e, felice di trovarla viva, spontaneamente la abbraccia. Sono tutti indenni.

Ma chi è stato a scaraventare Tilla sull’asfalto, salvandole la vita? La donna vorrebbe almeno ringraziarlo.

Si guarda intorno, ma dell’uomo nessuna traccia. Un senso di protezione totale la pervade, è una dolce sensazione fatta del calore di un corpo, della gentilezza di una voce, della sicurezza di una presenza che rimarrà indelebile in lei.

Quando vedo la Provvidenza manifestarsi così concretamente mi chiedo: quanto valgo, io, agli occhi dell’Esistenza? È allora che, nel silenzio, posso udire il dolce sussurro che, all’infinito, mi ripete: «Sei preziosa. Avrò cura di te»

Rilassiamoci. C’è una forza luminosa pronta a raggiungerci ovunque noi siamo per avvolgerci con il suo mantello profumato, indipendentemente dai nostri meriti o demeriti.

Fidiamoci e lasciamola fare. Affidiamoci e accogliamone l’amore.

 
#24luglio2021
#GiornaleDiBrescia

0

Amo la vita, sempre, anche quando non la capisco, anche quando soffro, ancor di più quando esplodo di gioia; trovo sia un’avventura straordinaria che si rinnova ogni giorno, al sorgere del sole.


Suono di rado, ma con amore, il pianoforte e canto mentre guido. Non ho tempo per le frequentazioni sterili, ma non guardo l’orologio quando un amico ha bisogno di me; l’amicizia è un dono meraviglioso e mi ha salvato la vita.

Mi piace leggere, lasciarmi rapire dai notturni di Chopin e riempirmi con un bel film.


Adoro il fuoco, la fiamma viva, il calore che mi trasmette. Amo viaggiare e vivere le emozioni della natura, dell’arte e degli incontri inattesi. Quando posso fuggo all’isola d’Elba dove, nell’incedere lento e potente del mare, mi rigenero.



Non mi annoio mai, trovo che il semplice esistere nel presente sia entusiasmante.

Comments

  • No comments made yet. Be the first to submit a comment

Leave your comment

Guest
Guest Friday, 24 September 2021