Bianca Brotto

Diffondiamo Bellezza

  • Home
    Home This is where you can find all the blog posts throughout the site.
  • Tags
    Tags Displays a list of tags that have been used in the blog.
  • Bloggers
    Bloggers Search for your favorite blogger from this site.

CHIEDERE? NON È FACILE, MA NE VALE LA PENA

Posted by on in NUOVI ORIZZONTI
  • Font size: Larger Smaller
  • Hits: 209
  • 0 Comments
  • Subscribe to this entry
  • Print

Era la sera dell’11 settembre. E Benedetta stava imprecando. In quel momento di scoramento totale ce l’aveva con tutto, persino con il suo nome che sembrava una beffa:

“Come si fa a dare un nome del genere a una che alle benedizioni nemmeno ci crede? - pensava -  I miei ci hanno provato a farmi diventare una cattolica credente, ma quel che mi è rimasto è solo il ricordo di Gesù e di sua madre come personaggi storici realmente esistiti».

Benedetta, quel giorno, era crollata e non si dava pace per le ingiustizie che la vita sfornava per lei con implacabile fantasia e che, quell’11 settembre, avevano preso la forma di una tragedia familiare. Donna concreta e razionale, non credeva né ai santi, né ai miracoli, ma solo nelle azioni che ognuno può compiere per migliorare la propria condizione.

Seduta sul letto davanti alla televisione, si era abbandonata allo sconforto, condizione per lei rara. Nella testa un chiodo fisso: il baratro nel quale suo figlio era precipitato.

Come se non bastassero la tragica morte del marito, il tracollo dell’attività e la malattia che non le dava tregua, “Adesso pure mio figlio” pensava.

Girando la testa verso il comodino, notò la statuetta della Madonna che un’amica le aveva portato da Medjugorje e che Benedetta non aveva ancora avuto il coraggio di buttare per rispetto verso colei che gliel’aveva donata.

D’impeto le venne di imprecare anche contro la scultura di terracotta. A voce alta tuonò imperiosa: «Tu! Sì, proprio tu che sei madre, non lo vedi come sto? Non te ne importa niente di mio figlio? Potresti anche aiutarmi!»

Scoppiò a piangere. Si era ridotta a urlare contro un pezzo di argilla. Le sue lacrime traboccavano di impotenza e di rancore per le sofferenze, troppe, che continuavano a torturarla.

Con gli occhi vuoti guardava la TV che trasmetteva un dibattito e fu quando andò in onda la pubblicità, che successe l’imprevedibile.

Nel bel mezzo dello spot di Unieuro, l’intero schermo divenne bianco, di una luminosità così intensa da rischiarare tutta la stanza; poi, nella parte bassa, iniziò a comporsi, lettera dopo lettera, una frase che prese a scorrere da sinistra verso destra attraversando il display con queste parole: “Sarà un piacere per me aiutarti”.

La donna, incapace di pensare, fissava la scritta finché questa, arrivata al limitare dello schermo, scomparve. Subito riprese forma lo spot di Unieuro.

Incredula Benedetta stette immobile ad attendere che venisse riproposta quella pubblicità, e la vide e rivide varie volte fino a notte fonda, ma della frase nessuna traccia.

Era l’11 settembre, il suo 11 settembre, il giorno che ognuno di noi ha conosciuto e che possiamo ricordare come il doloroso abisso che ha sezionato la nostra esistenza fra il prima e il dopo quell’appuntamento. O come la data della svolta. 

Benedetta continua a non credere nei miracoli e a non amare il suo nome, ma da quella sera sono iniziati a succedere una serie di eventi che hanno riportato l’equilibrio laddove prima regnava il caos.

Suo figlio, adesso, sta bene. In quanto alla statuetta della Madonna, è ancora sul comodino, un po’ per via dell’amica che gliel’ha regalata, e un po’, forse, per ricordare a se stessa e a ognuno di noi che se si chiede, si può ricevere. Non è facile. Ma ne vale la pena.

 

 

#11settembre2021
#GiornaleDiBrescia

0

Amo la vita, sempre, anche quando non la capisco, anche quando soffro, ancor di più quando esplodo di gioia; trovo sia un’avventura straordinaria che si rinnova ogni giorno, al sorgere del sole.


Suono di rado, ma con amore, il pianoforte e canto mentre guido. Non ho tempo per le frequentazioni sterili, ma non guardo l’orologio quando un amico ha bisogno di me; l’amicizia è un dono meraviglioso e mi ha salvato la vita.

Mi piace leggere, lasciarmi rapire dai notturni di Chopin e riempirmi con un bel film.


Adoro il fuoco, la fiamma viva, il calore che mi trasmette. Amo viaggiare e vivere le emozioni della natura, dell’arte e degli incontri inattesi. Quando posso fuggo all’isola d’Elba dove, nell’incedere lento e potente del mare, mi rigenero.



Non mi annoio mai, trovo che il semplice esistere nel presente sia entusiasmante.

Comments

  • No comments made yet. Be the first to submit a comment

Leave your comment

Guest
Guest Saturday, 16 October 2021