Qual è il tuo sogno? C'è qualcosa che ti piace fare e che avresti sempre voluto fare? Quando un essere umano riesce a vivere la propria passione, i suoi occhi esplodono gioia e l'Universo accende in lui una luce che diventa luce per tutti.

La Tecnica dei 101 Desideri (Igor Sibaldi)

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

 

igor_sibaldi

 Questo metodo permette di uscire dalla propria condizione di normalità, cioè porta fuori da sé, proprio come una meditazione profonda o digiuno.

Lo fa attraverso la mente, con delicatezza, leggerezza, e porta nel lungo periodo, cambiamenti duraturi e vasti, proprio perché è continuo e aggiunge sempre un pezzetto. Pian piano, a forza di lavorare con queste regole, la percezione del mondo intorno a te cambia. Infatti la normalità, è di avere 10-12 desideri, ma via via che si formulano altri desideri si diventa sempre più ampi. Ogni volta che vedrai qualcosa ti chiederai :”lo voglio o non lo voglio?”, in altre parole centra con me? Farà parte del mio futuro?

 

Ogni istante della nostra vita ci troviamo di fronte ad un fiume di occasioni che non siamo abituati a vedere, perché guardiamo verso il basso. Ci hanno insegnato così, a guardare basso, ad evitare le cacche di cane ( o gli ostacoli). In questo riusciamo molto bene, ma nel frattempo ci perdiamo le occasioni che erano state fatte per noi, che pensiamo di non meritarci.

 

Questo metodo permette di vedere le opportunità che ci vengono presentate, e quello che accadrà dopo qualche mese è che il mondo non è più lo stesso. Si va a lavorare sulla propria personalità, desiderando ad esempio caratteristiche per se stessi. Ogni desiderio che noi riusciamo a esprimere è una forma di premonizione: non si tratta cioè di un frutto della nostra fantasia, ma di un improvviso estendersi della nostra percezione, fino a cogliere nel futuro una qualche occasione che sta venendo proprio verso di noi e che può servire al nostro sviluppo interiore.

 

Ciò che chiamiamo «desiderare» è in realtà il modo in cui questa nostra percezione più estesa, cerca di annunciare alla nostra razionalità quelle occasioni che ha intravisto nell’avvenire, e di convincerla a non opporre resistenza e a non distrarsi quando quelle occasioni arriveranno, bensì a farsi avanti e ad afferrarle.

 

Questa spiegazione trova conferme tanto più nette quanto più un desiderio è coraggioso: il problema consiste dunque nel precisare il grado di coraggio necessario a far sì che la nostra percezione scorga occasioni, «desideri» sufficientemente importanti per noi indipendentemente da ciò che quei «desideri» potranno sembrare, di primo acchito alla nostra razionalità.

 

Riassumendo il video, la tecnica consiste nel scrivere 150 desideri, una volta scritti tutti ne verranno scelti solo 101.

 

Questi 101 desideri vanno letti ogni giorno, sino a quando non si realizzano, o succede qualcosa che ci porta a realizzarli. Se un desiderio si realizza si sostituisce con uno dei 49 esclusi.

 

Bisogna seguire 10 regole:

 

  • I desideri devo iniziare con “Io voglio
  • Evitare di scrivere “non”, e nessuna negazione
  • Ogni desiderio deve avere massimo 14 parole comprese le virgole (14 è il numero di parole che una persona può dire con una sola emissione di fiato)
  • Evitare di fare desideri seriali (Io voglio una casa a Londra, io voglio una casa a Parigi ecc…)
  • Desidera oggetti o obbiettivi e non soldi per poterli raggiungere
  • Non fare paragoni con altri, “Io voglio essere alto come ….”,
  • Evitare desideri non verificabili, per esempio “io voglio essere ricco”, ricco quanto?  specifica un valore, sono valori astratti.
  • Non usare vezzeggiativi o diminutivi
  • Non esprimere desideri per altri, desidera come tu puoi aiutare gli altri
    “Io voglio che mio cugino guarisca “, invece “Io voglio fare in modo che mio cugino guarisca”
  • Evitare storie d’amore o altri rapporti con persone specifiche, potreste pentirvi.

VIDEO

 


tratto da: http://www.consulentiolistici.it/la-tecnica-dei-101-desideri-sibaldi/